//
reading...
Arte, Comune di Milano, debutti a teatro, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Judith Malina, Living Theatre, Milano arte, Milano eventi, Milano spettacoli, Milano Teatri, Motus, New York, News, Premio Ubu, spettacoli, Spettacoli a Milano, spettacoli Milano, Stagione 2011 2012 Teatro I, Teatri Milano, Teatro, Teatro I, Teatrodanza, Uncategorized

THE PLOT IS THE REVOLUTION: due Antigoni, due generazioni, due speranze.

Sabato 29 ottobre 2011, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Marco De Meo per MAE

Parola di ritorno, la rivoluzione, in questo momento storico tra “indignados”, movimenti e, molto più semplicemente e veritieramente, uomini allo stremo delle forze, delle risorse e della pazienza. La rivoluzione dei Motus inizia in un sabato pomeriggio milanse in Piazza Affari, dove la compagnia teatrale, pubblico e sostenitori, “occupano” la piazza, per abitare e far vivere di teatro e di pensiero, il luogo simbolo del sistema. Eh sì, perché “la rivoluzione non è niente senza il corpo” afferma Judith Malina durante lo spettacolo/incontro cui assistiamo. Difficile chiamarlo spettacolo, é un incontro di pensieri, di generazioni, di visioni di futuro; malfidenti e facinorosi lo definirebbero un “raduno di sovversivi”, perché si discute e ci si interroga su come resistere al sistema.

The Plot is the Revolution è il primo accadimento che ha inaugurato Making The Plot, nuovo progetto Motus 2011>2068. L’incontro tra i Motus e Judith Malina, anima del Living Theatre insieme a Julian Beck, avviene a New York, dove l’ottantacinquenne Judith vede Too Late!, il secondo contest dei Motus sull’Antigone al Public Theatre, rimanendone colpita. Decidono così di tentare un’esperienza comune. Così é nata l’idea di questo nuovo confronto/contest tra due Antigoni: Judith Malina, (già Antigone nel 1967) e Silvia Calderoli, Premio Ubu come miglior attrice under 30 nel 2009. Dal percorso di Judith Malina nasce il titolo: nel 1968, agli spettatori di Paradise Now, veniva data una mappa in forma di diagramma che rappresentava il viaggio ascensionale dello spettacolo verso la Rivoluzione Permanente. A pié di pagina del diagramma si leggeva The Plot is The Revolution.

E così eccoci qui, la trama è la rivoluzione anche in questo milanese 2011, interrogandoci su un tempo presente e inevitabilmente su un futuro prossimo venturo. Silvia Calderoli interpreta e abita con grande convinzione e capacità le parole e gli stimoli di Judith Malina, coadiuvata in questo mastodontico confronto da due attori del Living Theatre, Brad Burgess e Thomas Walker, e rende straordinariamente l’esplosione di interrogativi che sempre emergono attorno alla parola “rivoluzione”, sia a livello intimo e personale, che a livello più generale e politico. L’incontro tra queste due Antigoni è carico di significati e di aspettative, non solo perché Antigone è stato uno dei capisaldi del Living Theatre, non solo perché Antigone è il cuore dei conflitti tra leggi e morale, tra necessità del cambiamento e ottusità della conservazione. Soprattutto perché questo dialogo tra generazioni diverse, ma incredibilmente vicine, mosse dallo stesso fuoco che induce ancora a credere nel teatro come possibilità di azione e di cambiamento, che riesuma il vocabolo rivoluzione come centro del fare artistico e vera possibilità, è un fondamentale ragionamento su teatro e società. Dal quale, oggi, non si può prescindere. E questa necessità, in questo 29 ottobre 2011 arriva, nella sua pienezza, tanto da commuovere. Come commuove e smuove chiedersi se ha ancora valore, oggi, parlare di rivoluzione. Come cercare risposta in chi ha pagato con la propria libertà l’ardire di diffondere concetti scomodi ai politici? (30 giorni di carcerazione per il Living Theatre nel 1968) La risposta sarebbe ovvia. Le risposte vanno cercate in noi. E il messaggio dei Motus e di Judith Malina è chiaro e forte: “Antigone siamo noi”. La violenza va trasformata in amicizia e il malessere deve essere condiviso affinché le forze possano unirsi e tradursi in azione.

E’ ancora possibile immaginare Brave new world come tanti utopisti hanno fatto in passato? Esistono spazi mentali e geografici per presupporre e tramare epocali ribaltamenti/rovesciamenti o, diciamolo, vere rivoluzioni, nel nostro assopito occidente? Insomma la rivoluzione here and now è ancora concepibile?”

Motus e Judith Malina continueranno a provocare domande tra tanti compagni di viaggio: artisti, critici e spettatori che partecipano a The Plot is the revolution. Domande che alimentano la loro ricerca verso lo spettacolo “animale politico“, che debutterà nel 2013. Attorno all’idea di trama, d’intreccio/tessitura interculturale fra artisti dell’area del mediterraneo, in particolare quelli provenienti da zone in cui sono in atto processi di radicale trasformazione e/o di vera e propria rivoluzione, continueranno Atti Pubblici, Happening per giovani attori e migranti, fra utopie, visioni libertarie e catastrofiche, coinvolgendo artisti e liberi pensatori, giovani attori ma anche anziani, bambini, blogger ed economisti, scienziati, filosofi e rifugiati politici. Noi andiamo a casa stasera, spettatori/attori di un esperimento, di un fatto, di un dialogo fra generazioni, esperienze, voci e fisicità diverse, di un dialogo diretto con noi – infatti ci viene chiesto di lasciare un segno di questo momento con loro prima di andar via -, di un’azione che ci riguarda. E ci sentiamo anche noi vicini, uniti nel credere che vi è ancora una possibilità d’azione, e che il teatro e l’arte ne devono essere i protagonisti.

Motus

THE PLOT IS THE REVOLUTION

ideato e diretto da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò

con Silvia Calderoni e Judith Malina (Living Theatre)

con la partecipazione di Thomas Walker e Brad Burgess

e la comunità a-venire di “The Plot”

una produzione Motus

Evento Eccezionale realizzato grazie al sostegno di:

Festival Santarcangelo 41

Fondazione Morra, Napoli

e la collaborazione di Cristina Valenti

http://www.teatroi.org

http://www.motusonline.com

Annunci

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

I commenti sono chiusi.

Piccolo Teatro Milano
Expo Milano - arancio  Piccolo Teatro Studio Melato, dal 9 al 13 ottobre 2013: Ubu Roi di Alfred Jarry Adattamento e regia Roberto Latini, musiche e suoni Gianluca Misiti, scena Luca Baldini, costumi Marion D’Amburgo, luci Max Mugnai. Con Roberto Latini e con Savino Paparella, Ciro Masella, Sebastian Barbalan, Marco Jackson Vergani,  Lorenzo Berti, Simone Perinelli, Fabio Bellitti. Salvo diversa indicazione, gli orari degli spettacoli al Piccolo sono: martedì e sabato, 19.30; mercoledì, giovedì e venerdì 20.30; domenica 16 > biglietti e prenotazioni
Biennale Teatro 2013
BIENNALE TEATRO 2013: Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia – Fino al 11 agosto 2013 tutti a Venezia per gli spettacoli con alcuni dei più interessanti e coinvolgenti nomi della scena teatrale internazionale. Inaugura la Biennale Teatro 2013, venerdì 2 agosto, Ute Lemper ... > LEGGI
Teatro Milano
Ritter, Dene, Voss è in scena al Teatro della Cooperativa fino al 3 marzo 2013 - recensione di Federicapaola Capecchi - La drammaturgia di Thomas Bernhard dipana una tragicommedia ricca, suggestiva e infinita di sottotesti, colma di molteplici risonanze per chi lo recita, per chi ne fa la regia, per chi lo ascolta, induttiva e aperta nel lasciar scegliere quando e come soffermarsi sul lato tragico, tragicomico, surreale, grottesco, disperato... >LEGGI
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 10 al 22 gennaio 2013
Sonetti di William Shakespeare
egia Elena Russo Arman musiche di John Dowland con Elena Russo Arman (voce)
Alessandra Novaga (chitarra)
produzione Teatridithalia
Teatro Elfo Puccini >>>
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 17 gennaio al 12 febbraio 2013 CASSANDRA
con Ida Marinelli
Fondale "stasi del tempo" disegnato da Ferdinando Bruni
produzione Teatridithalia Teatro Elfo Puccini >>>
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 24 gennaio al 5 febbraio 2013
IL MARE
- due tempi di Paolo Poli da Anna Maria Ortese - regia di Paolo Poli. Scene Emanuele Luzzati.Costumi Santuzza Calì
Coreografie Claudia Lawrence
consulenza
musicale Jacqueline Perrotin
Con Paolo Poli e con Mauro Barbiero, Fabrizio Casagrande, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco
produzioni Teatrali Paolo Poli
Teatro Elfo Puccini >>>

TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 31 gennaio al 5 febbraio 2013
ANTROPOLAROID
di e con Tindaro Granata produzione Proxima Res Spettacolo vincitore del Premio della Giuria Popolare Borsa Teatrale Anna Pancirolli e del Premio della Critica assegnato dall'Associazione Nazionale Critici di Teatro
Teatro Elfo Puccini >>>

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >
TEATRO I di MILANO, Stagione Teatrale 2012/2013
dal 16 al 21 gennaio 2013
LA MERDA
con il premio The Stage 2012 for Acting Excellence Silvia Gallerano
una produzione
producer
acting director Cristian Ceresoli and Marta Ceresoli dedicata ai 150 Anni dell’Unità d’Italia con il supporto di
The Basement (Brighton, Uk) Marta Ceresoli Silvia Gallerano
Teatro I >>>
dal 30 gennaio al 4 febbraio 2013 LA RIVINCITA
di Michele Santeramo
regia Leo Muscato
con (in ordine alfabetico) Michele Cipriani, Vittorio Continelli, Simonetta Damato, Paola Fresa, Riccardo Lanzarone, Michele Sinisi
scene e costumi Federica Parolini
luci Alessandro Verazzi
direttore tecnico Nicola Cambione
assistente alla regia Antonella Papeo
produzione Luca Marengo

Teatro I >>>
dal 20 al 25 febbraio 2013 MAROS / GELO  
da Tre sorelle di Anton Cechov
adattamento e regia di Renata Palminiello
con Camilla Bonacchi, Costantino Buttitta, Carolina Cangini, Giuliano Comin, Elena De Carolis, Lorenzo Delaugier, Lia Locatelli, Sena Lippi, Agnese Manzini, Gabriele Reboni,
Giovanna Sammarro,Gabriele Tesauri, Jacopo Trebbi, Michele Zaccaria.
si ringrazia la Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone
Teatro I >>>

Seguici su twitter

Articoli Recenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: