//
reading...
Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, Auditorium Milano, Concerti Milano, Darrell Ang, Erina Gambarini, Felix Mendelssohn, Flavio Testi, Italiana di Mendelssohn, la Verdi, Massimo Colombo, Mendelssohn, Midsummer Night’s Dream, Milano arte e cultura, Milano eventi, Milano expo, Milano musica, Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, Sacrae Symphoniae, Sogno di una notte di mezza estate, spettacoli, Spettacoli a Milano

Darrell Ang dirige laVerdi: Sacrae Symphoniae di Flavio Testi e Il Sogno e l’Italiana di Mendelssohn

Darrell Ang laVerdi, Milano arte musica e concerti

Darrell Ang con laVerdi, Milano

Esordisce con laVerdi il direttore Darrell Ang, (Singapore 1978). E lo fa con Mendelssohn e Flavio Testi (Firenze 1923). Programma: Felix Mendelssohn, Sogno di una notte di mezza estate op. 21 e 61; Ouverture, Intermezzo, Notturno, Scherzo, Marcia nuziale – Flavio Testi, Sacrae Symphoniae per soli, coro e orchestra – Felix Mendelssohn, Sinfonia n. 4 in La maggiore Italiana. Appuntamento con il 35° programma della stagione sinfonica giovedì 31 maggio (ore 20.30), venerdì 1 (ore 20.00) e domenica 3 giugno (ore 16.00), all’Auditorium di Milano di largo Mahler (info e prenotazioni: 02.83389401/2/3, www.laverdi.org). Sul palco, naturalmente, l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, insieme con l’ensemble corale, diretto da Erina Gambarini. >>

Saranno le note dolci e trascinanti a un tempo del Sogno di una notte di mezza estate di  Mendelssohn ad aprire il concerto; seguiranno le pagine ad effetto della Sacrae Symphoniae di Testi, con l’intervento delle voci soliste Anna Carbonera (soprano), Gianluca Bocchino (tenore), Abramo Rosalen (basso); per concludere con la Quarta Sinfonia Italiana del compositore romantico tedesco, diretta espressione musicale del fascino del Belpaese.

Programma

Le musiche di scena composte su incarico del re Federico Guglielmo IV di Prussia per il Midsummer Night’s Dream di Shakespeare (rappresentato il 14 ottobre 1843 al Palazzo di Postdam) portano la firma di un Mendelssohn nel pieno della maturità creativa, anche se l’autore riprende per l’occasione – come l’aveva composta a 17 anni nel 1826 e pubblicata nel 1830 – l’ouverture nata dal suo entusiasmo di adolescente per il fiabesco capolavoro del Bardo. Questa composizione (per M. la prima del genere) aveva inaugurato un’idea dell’ouverture da concerto assai prossima a quella assunta successivamente dal poema sinfonico: in essa è adombrata una sintesi ideale dei temi del dramma che, per l’abbondanza delle proposte melodiche e la disposizione degli episodi, finisce per influenzare la stessa condotta formale, in sé rispettosa degli schemi classici della sonata. La strumentazione tradisce le suggestioni di un romanticismo fatato e aereo, fatto di suoni trasparenti e lievissimi, pressoché inediti per l’epoca. Su questa linea si articolano i dodici pezzi (comprese due arie e vari melologhi di raccordo), tutti improntati a un’interpretazione tipicamente romantica della commedia shakespeariana.

laVerdi, concerti a MilanoAscoltate attentamente l’inizio di Sacrae symphoniae di Flavio Testi, di grandissimo effetto. La mente va ad attacchi ex abrupto come l’inizio del Dies irae del Requiem di Verdi o dello straussiano Also sprach Zarathustra. Come in Verdi, il suono dell’orchestra si fa teatro anche in assenza di una rappresentazione vera e propria. La scena immaginaria evocata dalla musica di Testi esprime l’horror sacer con tutti gli elementi tradizionali che lo riguardano: attacco in fortissimo, urti dissonanti (di semitono), ottoni apocalittici, note ribattute, intervallo di trìtono (diabolus in musica) continuamente riproposto, silenzio improvviso. Per verbalizzare questa drammaticissima situazione, il compositore (responsabile anche della scelta dei testi) utilizza un passo dell’Epistola ai Gàlati di san Paolo: Christo confixus sum cruci (“Sono crocifisso sulla croce con Cristo”), intonato dal coro che segue il profilo intervallare degli ottoni.

Stupisce l’efficacia retorica della partitura. Volendo tentare un confronto con il mondo della musica moderna, si potrebbe far riferimento al Canticum sacrum di Stravinskij eseguito nella basilica di San Marco a Venezia nel 1956. Non solo per la pregnanza degli ottoni sacramentali (anche lì 4 trombe + 4 tromboni), ma pure per la struttura in cinque parti che si suole associare alle cinque cupole della chiesa in cui venne per la prima volta eseguita. D’altronde anche Testi allude a qualcosa di veneziano nella sua composizione del 1987: il titolo Sacrae symphoniae rinvia infatti a una celebre raccolta di Giovanni Gabrieli, stampata a Venezia nel 1597. Ma, come afferma lo stesso compositore, ogni atteggiamento retrospettivo – presente eccome nella straordinaria sintesi stravinskijana – è assente nella composizione di Testi. Il linguaggio di quest’ultimo resta diretto, viscerale, elementare. Se lo Stravinskij del Canticum agisce nel quadro della dodecafonia, Testi sembra rifiutare nel Sacrae Symphoniae ogni costruttivismo troppo rigido, fondato sulla predeterminazione del materiale. Il suo è piuttosto un montaggio di effetti.

Come ogni artista tedesco, anche Mendelssohn subì il fascino della terra dove fioriscono i limoni; e nel 1830-31 compì il suo viaggio in Italia, fermandosi a Roma, dove strinse amicizia con Berlioz, e a Napoli. Proprio a questo periodo risalgono i primi abbozzi della Sinfonia in la maggiore che M. non si risolse mai a pubblicare, nonostante le numerose revisioni cui la sottopose successivamente, e che pertanto venne pubblicata postuma, come Quarta, mentre in realtà si trattava della sua terza sinfonia, terminata nel 1833, la cui prima esecuzione era avvenuta alla Società Filarmonica di Londra il 13 maggio di quello stesso anno, sotto la direzione dell’autore. Prima ancora delle pure importantissime allusioni al folclore italiano, in questa sinfonia occorre rilevare la straordinaria sicurezza della forma, che la rende gemella della successiva sinfonia Scozzese. Queste due opere formano una coppia di composizioni in cui la ricognizione degli schemi classici è compiuta con originalità tanto maggiore quanto più solido è il controllo dei problemi costruttivi. Quasi sempre lievi ed estremamente stilizzati, i riferimenti italiani della Quarta sono fusi, pur nell’accurata elaborazione tematica, in un organismo perfettamente scorrevole e funzionale. Il piglio brillante e l’animata eccitazione del primo tempo non intaccano la raffinata costruzione di una forma-sonata ricca di proposte e sfumature, e lavorata con profonda attenzione anche dal punto di vista contrappuntistico. Il secondo tempo è costruito su un canto di processione, passaggio quasi obbligato nelle escursioni musicali italiane dei romantici, col suo carattere vagamente popolaresco, con certi suoi andamenti di danza. Scorrevole e melodico risulta anche il terzo tempo, che acquista vaghezza dall’indecisione intrinseca del modulo metrico utilizzato, ben definito e tuttavia oscillante fra il minuetto, lo scherzo e persino il valzer. Il Saltarello rende un omaggio conclusivo, fresco e scintillante, al mito di una latinità solare, orgiastica, impetuosa.

 

Biografie

Erina Gambarini, Direttore del Coro. Figlia d’arte, ha iniziato la sua attività artistica a 13 anni al Teatro alla Scala di Milano, come voce bianca, protagonista nell’opera di Britten Il giro di vite.
Dopo alcuni anni di intensa attività solistica, ha proseguito lo studio del pianoforte con il padre, lo studio del canto, come soprano, con Teresa Stich Randall a Vienna, direzione interpretazione corale e musica da camera con Marcel Couraud, tecnica vocale e interpretazione con Schmidt-Gaden. Ha collaborato con la RSI, la RAI, la Fenice di Venezia, Teatro Sociale di Como, Teatro Olimpico e Valle di Roma, Teatro Carignano di Torino, Verdi di Trieste, La Pergola di Firenze, Teatro Grande di Brescia. Ha inciso numerosi CD per Nuova Era, Carrara e Ricordi. Nel 1989 fonda il gruppo corale Canticum Novum, che in pochi anni si distingue per la qualificata e ricca attività artistica e parallelamente dirige vari gruppi strumentali. Nel 1996 inizia la sua collaborazione con il Maestro Romano Gandolfi, che nel 1998 la chiama come sua assistente e maestro del coro in occasione della costituzione del Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, incarico che ricopre tuttora. Ha collaborato con molti direttori d’orchestra, tra i quali Riccardo Chailly, Claudio Abbado, Gianandrea Gavazzeni, Aldo Ceccato, Ettore Gracis, Oleg Caetani, Claus Peter Flor, Christopher Hogwood, Rudolf Barshai, Vladimir Jurowski, Helmuth Rilling, Leonard Slatkin, Nevil Marriner, Roger Norrington, Vladimir Fedoseyev, Robert King.

Dal 1997 è membro dell’Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di Bergamo per i suoi meriti artistici.

Darrell Ang. Vincitore della 50° edizione della Besançon International Competition nel 2007, è stato insignito del Grand Prix dall’illustre giuria composta, tra gli altri, da Michel Plasson e Yan-Pascal Tortelier, del Prix du Public come artista favorito dal pubblico così come dai musicisti dell’orchestra. E’ stato inoltre vincitore della nona edizione del Concorso Internazionale per Direttori d’Orchestra Antonio Pedrotti nel 2006, mentre nel2008 ha vinto l’ottava edizione dell’Arturo Toscanini International Conducting Competition.

Nato a Singapore nel 1978, ha studiato al Conservatorio di San Pietroburgo e alla Yale University. I suoi insegnanti sono stati Jorma Panula, Sir Colin Davis e Lorin Maazel. Nel 2001, haco-fondato e diretto la St. Petersburg ChamberPhilharmonic ed è stato spesso Direttore Ospite della St. Petersburg Opera, dove ha diretto Traviata, Le nozze di Figaro e The Rape of Lucretia di Britten; inoltre ha diretto la Rimsky-Korsakov State Opera & Ballet Theatre, dove ha dove ha lavorato con i solisti provenienti dal Mariinsky Theatre Academy of Young Singers. Lunga e ininterrotta è la catena di presenze con alcune tra le maggiori orchestre europee ed asiatiche; nel Vecchio Continente – oltre a laVerdi a Milano – ricordiamo la Konzerthausorchester di Berlino, la Wiener Kammerorchester di Vienna, la Residentie Orkest all’Aia, la Copenhagen Philharmonic e la St. Petersburg Philharmonic,  mente in Asia è di casa alla Taiwan National Symphony Orchestra, la Taipei Symphony Orchestra così come la Hong Kong Sinfonietta.

Ang è stato inoltre nominato Direttore Musicale della Orchestre de Bretagne, a far data dalla stagione 2012-2013.

Flavio Testi, compositore di musica contemporanea classica e musicologo, nasce a Firenze il 4 gennaio 1923. Studia con Gedda e Peracchio al Conservatorio di Torino, e nel 1951 si laurea in storia dell’arte all’Università di Stato di Milano. Lavora per Suvini Zerboni e Ricordi mentre compone e persegue il suo interesse per la Storia della musica, e lavora per la Rai. Dal 1972 si dedica ad attività educative, insegnando Storia della musica al Conservatorio di Padova e in seguito ai Conservatori di Milano e Firenze.

E’ stato direttore Artistico del Maggio Musicale Fiorentino al Teatro Comunale di Firenze, all’interno della triade straordinaria costituita da lui stesso, da Massimo Bogianckino (sovrintendente) e di Riccardo Muti (direttore musicale).

Come compositore, la sua musica è influenzata da Stravinsky che fonde con la sua drammatica sensibilità. Tutto ciò risulta particolarmente evidente nel suo primo lavoro orchestrale, Concerto (1954) e in Divertimento (1956). Ed è proprio del ’54 la prima alla Scala di Crocifissione, che gode di immediato successo. La particolare espressività di Crocifissione così ben accolta lo porta tre anni dopo a proseguire questo stile in Stabat mater e in New York oficina y denuncia ,opera nella quale denuncia la disumanizzazione dell’ambiente della metropoli moderna; il lavoro coincide con la conversione di Testi al marxismo. Nel 1967, sullo stesso tema affrontato in New York oficina y denuncia, Testi compone Canto a las madres de los milicianos muertos da Neruda e Cori di Santiago (1975). In seguito, le opere di Testi evolvono verso momenti di violento realismo scenico-musicale, come ad esempio ne L’albergo dei poveri (1966), ne Il sosia (1981) e in Riccardo III (la Scala, 1987). In anni recenti compone Mariana Pineda (2007), la cui prima va in scena a Erfurt.

In generale lo stile di Testi, più che aderire al radicalismo dell’avanguardia postweberniana, rielabora e riflette, non senza eclettismo, sulle conquiste cruciali del ventesimo secolo, da Stravinsky e Bartòk al primo Schönberg.

Stagione Sinfonica 2011-2012

giovedì 31 maggio, venerdì 1, domenica 3 giugno 2012

Auditorium di Milano – largo Mahler

Il Sogno e l’Italiana di Mendelssohn:

eleganza, impeto romantico, serenità

 

Felix Mendelssohn

Sogno di una notte di mezza estate op. 21 e 61

Ouverture, Intermezzo, Notturno, Scherzo, Marcia nuziale

Flavio Testi

Sacrae Symphoniae per soli, coro e orchestra

Felix Mendelssohn

Sinfonia n. 4 inLa maggiore Italiana

Auditorium di Milano Fondazione Cariplo abbraccia lo studio della composizione
Largo Gustav Mahler
tel. 02.83389.401/2/3 (orario biglietteria: a martedì a domenica 14.30 – 19.00)
Date concerti
Giovedì 31 maggio 2012 ore 20.30
Venerdì 1 giugno 2012 ore 20.00
Domenica 3 giugno 2012 ore 16.00
Biglietti
Euro 31,00/23,50/18,00/13,00

Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi

Ufficio Stampa

Massimo Colombo

Tel.  +39 02 83389.329 – 393 5285464

massimo.colombo@laverdi.org

ufficiostampa@laverdi.org

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: francescotadini61@gmail.com

Discussione

I commenti sono chiusi.

Piccolo Teatro Milano
Expo Milano - arancio  Piccolo Teatro Studio Melato, dal 9 al 13 ottobre 2013: Ubu Roi di Alfred Jarry Adattamento e regia Roberto Latini, musiche e suoni Gianluca Misiti, scena Luca Baldini, costumi Marion D’Amburgo, luci Max Mugnai. Con Roberto Latini e con Savino Paparella, Ciro Masella, Sebastian Barbalan, Marco Jackson Vergani,  Lorenzo Berti, Simone Perinelli, Fabio Bellitti. Salvo diversa indicazione, gli orari degli spettacoli al Piccolo sono: martedì e sabato, 19.30; mercoledì, giovedì e venerdì 20.30; domenica 16 > biglietti e prenotazioni
Biennale Teatro 2013
BIENNALE TEATRO 2013: Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia – Fino al 11 agosto 2013 tutti a Venezia per gli spettacoli con alcuni dei più interessanti e coinvolgenti nomi della scena teatrale internazionale. Inaugura la Biennale Teatro 2013, venerdì 2 agosto, Ute Lemper ... > LEGGI
Teatro Milano
Ritter, Dene, Voss è in scena al Teatro della Cooperativa fino al 3 marzo 2013 - recensione di Federicapaola Capecchi - La drammaturgia di Thomas Bernhard dipana una tragicommedia ricca, suggestiva e infinita di sottotesti, colma di molteplici risonanze per chi lo recita, per chi ne fa la regia, per chi lo ascolta, induttiva e aperta nel lasciar scegliere quando e come soffermarsi sul lato tragico, tragicomico, surreale, grottesco, disperato... >LEGGI
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 10 al 22 gennaio 2013
Sonetti di William Shakespeare
egia Elena Russo Arman musiche di John Dowland con Elena Russo Arman (voce)
Alessandra Novaga (chitarra)
produzione Teatridithalia
Teatro Elfo Puccini >>>
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 17 gennaio al 12 febbraio 2013 CASSANDRA
con Ida Marinelli
Fondale "stasi del tempo" disegnato da Ferdinando Bruni
produzione Teatridithalia Teatro Elfo Puccini >>>
TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 24 gennaio al 5 febbraio 2013
IL MARE
- due tempi di Paolo Poli da Anna Maria Ortese - regia di Paolo Poli. Scene Emanuele Luzzati.Costumi Santuzza Calì
Coreografie Claudia Lawrence
consulenza
musicale Jacqueline Perrotin
Con Paolo Poli e con Mauro Barbiero, Fabrizio Casagrande, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco
produzioni Teatrali Paolo Poli
Teatro Elfo Puccini >>>

TEATRO ELFO PUCCINI DI MILANO, stagione teatrale 2012 e 2013, spettacolo arte e cultura dal 31 gennaio al 5 febbraio 2013
ANTROPOLAROID
di e con Tindaro Granata produzione Proxima Res Spettacolo vincitore del Premio della Giuria Popolare Borsa Teatrale Anna Pancirolli e del Premio della Critica assegnato dall'Associazione Nazionale Critici di Teatro
Teatro Elfo Puccini >>>

Danza Contemporanea Milano Coreografia d'Arte
DANZA CONTEMPORANEA  MILANO - Festival Coreografia D’Arte.
Dal 2009 vi hanno partecipato coreografi italiani ed esteri per realizzare spettacoli dal vivo su ispirazione di opere di artisti come Lucio Fontana, Emilio Tadini ma anche tanti giovani. Per l’edizione 2012, la III°, sono presenti coreografi italiani, venezuelani, austriaci insieme a 10 artisti di cui uno spagnolo e una cilena...   LEGGI >
TEATRO I di MILANO, Stagione Teatrale 2012/2013
dal 16 al 21 gennaio 2013
LA MERDA
con il premio The Stage 2012 for Acting Excellence Silvia Gallerano
una produzione
producer
acting director Cristian Ceresoli and Marta Ceresoli dedicata ai 150 Anni dell’Unità d’Italia con il supporto di
The Basement (Brighton, Uk) Marta Ceresoli Silvia Gallerano
Teatro I >>>
dal 30 gennaio al 4 febbraio 2013 LA RIVINCITA
di Michele Santeramo
regia Leo Muscato
con (in ordine alfabetico) Michele Cipriani, Vittorio Continelli, Simonetta Damato, Paola Fresa, Riccardo Lanzarone, Michele Sinisi
scene e costumi Federica Parolini
luci Alessandro Verazzi
direttore tecnico Nicola Cambione
assistente alla regia Antonella Papeo
produzione Luca Marengo

Teatro I >>>
dal 20 al 25 febbraio 2013 MAROS / GELO  
da Tre sorelle di Anton Cechov
adattamento e regia di Renata Palminiello
con Camilla Bonacchi, Costantino Buttitta, Carolina Cangini, Giuliano Comin, Elena De Carolis, Lorenzo Delaugier, Lia Locatelli, Sena Lippi, Agnese Manzini, Gabriele Reboni,
Giovanna Sammarro,Gabriele Tesauri, Jacopo Trebbi, Michele Zaccaria.
si ringrazia la Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone
Teatro I >>>

Seguici su twitter

Articoli recenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: